Estrazioni di petrolio e gas offshore nell’Ue: «Gli operatori devono dimostrare la capacità di coprire i danni». “Va bene anche se i tempi sono lunghi ma per le estrazioni a terra?”

Europaviva 21

Le estrazioni di idrocarburi (gas e petrolio) sono oggetto di numerose vertenze fra compagnie internazionali e popolazioni locali. Una direttiva europea in merito alle estrazioni offshore ha avuto il via libera del Parlamento Europeo. Ora ci si chiede se non sia il caso di sottoporre alla stesse norme anche le estrazioni a terra.

Come racconta Greenreport, con 572 voti favorevoli, 103 contrari e 3 astenuti, il Parlamento europeo ha dato oggi il via libera alla nuova direttiva sulla sicurezza delle attività di perforazione per gas e petrolio. Il testo riflette l’accordo raggiunto con il Consiglio europeo.

In un comunicato si legge che «Le nuove norme obbligheranno le aziende a provare la loro capacità di coprire i danni potenziali derivanti dalle loro attività e a presentare una relazione sui possibili pericoli e soluzioni, prima che le operazioni possano cominciare».

Il relatore del provvedimento, il democristiano belga Ivo Belet, ha detto: «Abbiamo…

View original post 361 altre parole

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Nuove dalla rete e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...