Il risotto al tartufo: prima parte

Di seguito il testo della lettera che ha ricevuto il proprietario di un’azienda che conosco. Voi come avreste reagito? Secondo voi come è andata a finire?

Gent.mo Dr. ZZZZZ WWWWW,

innanzi tutto mi presento: il mio nome è XXXXX YYYYYY e desidero raccontarLe una piccola storia che mi riguarda personalmente.

Diversi anni fa (anche troppi in realtà) ero a cena con i miei genitori e mio padre scelse, come primo, un piatto di risotto al tartufo. Quando il risotto arrivò in tavola lui mi chiese: “Lo vuoi assaggiare?”

Io risposi, con un fare piuttosto arrogante e sicuro: “Non mi piace!”

Mio padre a quel punto mi disse, dopo averlo assaggiato e dopo averne apprezzato la qualità: “Ma come fai a dire che non ti piace se non l’hai assaggiato?”.

Io risposi ancora: “Non mi piace e basta!”. E mi rifiutai di provare il risotto.

Bene! Non so se a Lei piace il risotto al tartufo, tuttavia, dopo diversi anni mi decisi ad assaggiare, finalmente, quel tipo di piatto e quando mi resi conto di quanto fosse buono, pensai: “Ma perchè mai non l’ho assaggiato prima? Quanti risotti mi sono perso!”.

Io non Le ho scritto per farLe assaggiare un risotto, ma per proporLe un incontro senza impegno, con la finalità di conoscerci e per spiegarLe chi siamo, cosa facciamo e come abbiamo aiutato moltissime aziende, negli ultimi 30 anni, a migliorare la loro operatività interna con le nostre soluzioni.

Io sono certo al 110% che Lei, anche se forse potrà avere apprezzato la presente, non mi chiamerà mai per avere maggiori informazioni, quindi penserò io a contattarLa nei prossimi giorni per definire un appuntamento però, Le chiedo sono una cortesia:

“Non commetta lo stesso errore che ho fatto io tanti anni fa con il risotto al tartufo, perchè il tempo che passa non torna più indietro.”

Per ora la ringrazio per l’attenzione prestata e colgo l’occasione per porgerLe i miei più cordiali saluti.

XXXXX YYYYYY

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Nuove dalla rete, Per ridere un pò e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...